Il ban­do, ri­vol­to esclu­si­va­men­te ai Co­mu­ni con po­po­la­zio­ne re­si­den­te pari o in­fe­rio­re a 50.000 abi­tan­ti e ca­po­luo­ghi di Pro­vin­cia con po­po­la­zio­ne re­si­den­te pari o in­fe­rio­re a 20.000 abi­tan­ti, po­tran­no pre­sen­ta­re una pro­po­sta d’intervento re­la­ti­va a un solo im­pian­to di pro­prie­tà pub­bli­ca nel pro­prio ter­ri­to­rio. Ma a Pa­ler­mo non è sta­ta as­se­gna­ta al­cu­na som­ma per cui il Co­mu­ne non po­trà par­te­ci­pa­re al­l’av­vi­so.

A Palermo sport gestito da affaristi

“Sia­mo da­van­ti ad una que­stio­ne ab­ba­stan­za se­ria – di­chia­ra Giu­sep­pe Gior­da­no, re­spon­sa­bi­le re­gio­na­le Sport del­la DC Nuo­va -. An­co­ra una vol­ta Pa­ler­mo, che più de­gli al­tri 8.000 Co­mu­ni ita­lia­ni avreb­be bi­so­gno di aiu­ti eco­no­mi­ci per ri­sol­le­var­si dal 213° po­sto nel rap­por­to im­pian­ti spor­ti­vi e nu­me­ro di abi­tan­ti, vie­ne ta­glia­ta fuo­ri dai fi­nan­zia­men­ti per gli im­pian­ti spor­ti­vi di base”.  Poi l’accusa, “La ve­ri­tà è che ne­gli ul­ti­mi die­ci anni lo sport a Pa­ler­mo è sta­to ge­sti­to da “af­fa­ri­sti” alla ri­cer­ca del­la mae­sto­si­tà del­l’im­piant­o, dei co­sti ele­va­ti e for­se da un pro­fit­to per­so­na­le, tra­scu­ran­do il par­ti­co­la­re più im­por­tan­te cioè che per com­pe­te­re a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le in cam­po spor­ti­vo ci vuo­le una lar­ga base e quin­di ave­re im­pian­ti eco­no­mi­ci e fun­zio­na­li”.

L’appello al nuovo sindaco di Palermo

“Cam­mi­nan­do per la cit­tà di Pa­ler­mo vedo tan­ti spor­ti­vi o istrut­to­ri che al­le­na­no i pro­pri ra­gaz­zi per stra­da, men­tre nel re­sto del­la Si­ci­lia os­ser­vo che nei pic­co­li cen­tri ci sono im­pian­ti spor­ti­vi a mi­su­ra d’uo­mo a di­spo­si­zio­ne del­la co­mu­ni­tà come a Ma­ri­neo, a Pia­na de­gli Al­ba­ne­si, a Per­gu­sa e a Li­bri­no. Mi pon­go una do­man­da: ma cosa ab­bia­mo fat­to di male per me­ri­tar­ci que­sto? Chie­de­re­mo al nuo­vo sin­da­co, Ro­ber­to La­gal­la, di es­se­re più pre­sen­te nei pros­si­mi 5 anni per met­te­re in cam­po pro­get­ti e interventi di fa­ci­le at­tua­zio­ne. Sa­re­mo vi­gi­li af­fin­chè lo sport in cit­tà, in­te­so come im­pian­ti­sti­ca spor­ti­va, do­vrà es­se­re mi­glio­ra­to par­ten­do da in­ter­ven­ti mi­ra­ti nei quar­tie­ri e dan­do pos­si­bi­li­tà ai tan­ti gio­va­ni di al­le­nar­si in luo­ghi sani, pu­li­ti e attrezzati, ri­cor­dan­do – con­clu­de – che lo sport è pa­tri­mo­nio di tut­ti”.