Armati di guanti e sacchetti per la raccolta differenziata dei rifiuti, cinquanta dipendenti Enel di Palermo hanno oggi partecipato alla campagna “Puliamo il Mondo”, promossa da Legambiente, e hanno ripulito alcune aree verdi dei sentieri che, sul Monte Pellegrino, portano al Santuario di Santa Rosalia, Patrona della città.

Dal 1995, tali aree e il Parco della Favorita, l’area verde più estesa di Palermo, fanno parte della Riserva Naturale Orientata Monte Pellegrino, che ospita circa 40 specie di uccelli, molti mammiferi, rettili e una flora vastissima.

L’iniziativa rientra nell’ambito del nuovo programma di volontariato Enel, attraverso il quale l’azienda consente, ai dipendenti che aderiscono, di svolgere una giornata di lavoro non convenzionale, lontano da scrivania, smartphone o dal luogo dove abitualmente prestano servizio.

Quella di Palermo, infatti, è solo una delle tante iniziative di volontariato Enel, che nel 2019 saranno realizzate in diverse città, in collaborazione con quattro Organizzazioni non profit italiane (Legambiente, Marevivo, Moige, Quartieri Tranquilli). In totale, in Italia, saranno più di 700 i dipendenti che quest’anno potranno, quindi, dedicare una loro giornata di lavoro a uno dei progetti proposti.

L’iniziativa di oggi è stata coordinata dagli esperti locali di Legambiente, guidati da Vanessa Rosano, che hanno prima fornito tutte le informazioni necessarie per una raccolta mirata a massimizzare le opportunità di riciclo dei materiali raccolti e che hanno, poi, guidato l’operato dei volontari Enel.

All’iniziativa era presente anche il Direttore della Riserva Naturale Orientata Monte Pellegrino, Giovanni Provinzano.

Grazie all’attività dei volontari, a fine giornata sono stati oltre 350 i kg di rifiuti raccolti, di cui 115 kg di vetro, 35 kg di plastica, 10 kg di carta, circa 10 Kg di rifiuti ferrosi e oltre 180 kg di rifiuto indifferenziato.

“Abbiamo deciso di intraprendere un programma di volontariato aziendale, chiedendo la collaborazione dei dipendenti per contribuire a iniziative di valore sociale, di tutela ambientale e di promozione della cultura nel proprio territorio. Questo programma – ha spiegato Carlo Tamburi, Direttore Enel Italia – rappresenta un’opportunità per fare qualcosa di concreto a favore delle comunità in cui viviamo e lavoriamo, mettendo a disposizione buona volontà ed esperienza professionale. Il volontariato è una fonte di motivazione e un’occasione di crescita per molti colleghi. Allo stesso tempo rappresenta un valido strumento a supporto degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite su cui Enel è impegnata”.

Il volontariato Enel punta a creare valore a vantaggio delle Comunità locali, attraverso la partecipazione attiva dei dipendenti, coinvolti in prima persona in progetti per lo sviluppo del territorio e la coesione sociale.