Arrivano tre commissari prefettizi nel Comune di Torretta dopo lo scioglimento deciso lo scorso 6 agosto.

La notizia era arrivata dal comunicato stampa del Consiglio dei Ministri: “Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Matteo Salvini, tenuto conto che, all’esito di approfonditi accertamenti, sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Torretta (Pa) – si leggeva nella nota ufficiale – affidandone la gestione a una Commissione straordinaria per un periodo di diciotto mesi”.

Il comunicato di palazzo Chigi era stato emanato al termine del Cdm. “Inoltre, a norma dello stesso articolo, in considerazione della necessità di completare l’azione di ripristino dei principi di legalità – proseguiva la nota – all’interno delle amministrazioni comunali, il Consiglio dei ministri ha deliberato la proroga per sei mesi dello scioglimento dei Consigli comunali di Camastra (AG), Platì (RC), Manduria (TA), Limbadi (VV) e Surbo (LE)”.

Adesso la Prefettura di Palermo rende nota la nomina dei tre commissari che gestiranno il Comune. Si tratta del Viceprefetto Giuseppina Maria Patrizia Di Dio Datola, del Viceprefetto aggiunto Francesco Milio, e del funzionario economico finanziario Antonietta Maria Manzo.

i tre commissari sono già stati insediati in via d’urgenza lo scorso 7 agosto ma solo adesso la loro nomina viene notificata dopo che la Corte dei Conti ha registrato il decreto di scioglimento.

La Commissione prefettizia, ora insediata non più con carattere d’urgenza, veine confermata nei poteri dei sindaco, della giunta e del Consiglio comunale per un periodo non inferiore ai 18 mesi e comunque fino all’insediamemto degli organi ordinari regolarmente eletti