Una grande serata di solidarietà a Palermo.

L’Associazione Marco Sacchi – con il patrocinio anche del Comune di Palermo e dell’ARS – organizza il concerto di beneficenza in favore del settore Paralimpici ASD Club Scherma Palermo.

Lunedì 6 luglio alle ORE 20.00 – presso il Teatro Santa Cecilia di Palermo – il quartetto Jazz Canali, il fisarmonicista Pierpaolo Petta, il Marcello Cinà SEXSTET ed il Gruppo Sound Zero proporranno un repertorio di musica soul e blues gospel in connubio perfetto con il sound jazz. Andranno in scena con le loro irriverenti ed irresistibili incursioni anche Sergio Vespertino , Francesco Italia e Giovanna Carrozza.

“Per il 2020 l’iniziativa promuove il concetto di donazione a tutto tondo – dice la presidente dell’Associazione Marco Sacchi, Rosalba Muratori -. Lanciamo il PROGETTO DONA E FAI DONARE in tema di donazione di sangue e organi per correlarlo alle sfide degli atleti paralimpici, alla musica donata e condivisa, al coraggio e alla dedizione che contraddistinguono uomini e donne alle prese con le fasi della pandemia”.

Sarà presente Marcella Li Brizzi, atleta palermitana, più volte campionessa paralimpica di scherma.
Per partecipare alla serata è previsto un contributo di solidarietà che verrà devoluto all’associazione Paralimpici ASD Club Scherma Palermo.
Per saperne di più: 348 331 4614 – https://www.facebook.com/events/265832954690058/

L’associazione Marco Sacchi è nata in memoria del cineoperatore RAI Marco Sacchi, noto per avere ripreso per primo le immagini della strage di Capaci il 23 maggio del 1992.

Spiega ancora Rosalba Muratori: “E’ il quarto anno che facciamo un concerto per promuovere e sostenere il gruppo di paralimpici di scherma palermitani. Questo gruppo è per noi un esempio di vita. Raccogliamo denaro e fondi che permettano alle loro famiglie di sostenerli nell’attività sportiva. Sono atleti straordinari che vogliamo aiutare. Sono persone che hanno bisogno di fare sport anche dal punto di vista della salute psico-fisica. Con questa manifestazione abbiamo voluto coniugare due progetti: la solidarietà per gli atleti paralimpici e promuovere la donazione di sangue e organi che è qualcosa di ancora più straordinario. Significa donarsi agli altri. Quella del 6 luglio sarà una serata per donare e sorridere stando assieme con le persone che verranno a suonare per noi e a dare il loro contributo, sono artisti sempre in prima linea, pronti a donare la loro arte”.