Svolta per la vertenza Coop in Sicilia. È stato raggiunto nella tarda notte appena trascorsa il travagliato accordo per il passaggio degli 834 lavoratori della rete vendita siciliana da Coop Alleanza 3.0 al gruppo Radenza.

Soddisfatta la Fisascat

“Soddisfazione per il raggiungimento dell’ipotesi di accordo – dichiara Mimma Calabrò a capo della FISASCAT siciliana – La definizione della trattativa da un lato fa tirare un sospiro di sollievo alle lavoratrici e lavoratori che temevano per la loro tenuta occupazionale, dall’altro lascia di certo l’amaro in bocca l’idea che un altro colosso della distribuzione organizzata abbandoni la Sicilia. Una trattativa del tutto fuori dagli schemi – continua la sindacalista – portata avanti da più di un anno e frutto di serrato confronto”.

Timori di fuga

Mimma Calabrò

“Le prime indiscrezioni su una possibile fuga di Coop – spiega Calabrò  – erano già trapelate nel mese di marzo 2020. A luglio, le prime conferme. Da quel momento, dunque, oltre 800 lavoratori hanno vissuto, loro malgrado, per l’ennesima volta, mesi concitati in balia di tante preoccupazioni e nessuna certezza. Non siamo mai riusciti a comprendere la motivazione – continua – per cui Coop sia giunta a tale determinazione. C’è stato un momento in cui si è auspicato in un dietro front di Coop. La Sicilia, nei fatti, è stata una tra le pochissime regioni di Italia a registrare dati positivi rispetto alle previsioni fatte dalla Società negli ultimi anni. Neppure questo è bastato – apostrofa la sindacalista – a far tornare la società di consumatori indietro sui suoi passi. Non si dimentichino, peraltro, gli enormi sacrifici fatti nel tempo dai lavoratori senza i quali, a dire della società, non sarebbe stato possibile attuare il piano di rilancio di Coop nella regione. Rilancio – tuona la Calabrò – che, nei fatti, non è mai avvenuto”.

12 punti vendita in Sicilia

A rilevare l’intera rete, composta dai 12 punti vendita dislocati nell’intero territorio siciliano è, dunque, il gruppo Radenza che manterrà il marchio in master franchising.

Per la Calabrò, il piano industriale del gruppo Radenza fa guardare fiduciosi al futuro: “Non solo progettualità di tipo protettivo ma che punta anche allo sviluppo e all’ampliamento della rete. Parte qualificante dell’ipotesi di accordo, per il quale esprimiamo massima soddisfazione, è legata alla garanzia occupazionale e reddituale per tutte le lavoratrici e lavoratori interessati al trasferimento di ramo d’azienda. La chiave di volta che ha tracciato la strada per la positiva svolta della trattativa – sottolinea la sindacalista – è stato sicuramente l’accordo quadro siglato dalle Segreterie Nazionali nel luglio 2020 grazie al quale, nel garantire il perimetro commerciale e occupazionale, si è scongiurato il paventato “effetto spezzatino” e che ha permesso di entrare nel merito dei piani industriali dei soggetti che si sono proposti”.

Porre basi per rilancio Coop

“L’intesa raggiunta con il gruppo Radenza rappresenta una base solida sulla quale non soltanto instaurare corrette relazioni sindacali ma anche porre le basi per il rilancio della rete commerciale che Coop ha dismesso in Sicilia – afferma Vincenzo Dell’Orefice, Segretario generale aggiunto della Fisascat Cisl Nazionale che ha seguito passo passo la trattativa. “Una ipotesi di accordo – continua –  che vede nelle risoluzioni volontarie e negli esodi incentivati una leva marginale in quanto vengono privilegiate soprattutto le ricollocazioni”.

I punti vendita saranno oggetto quindi una ristrutturazione, di breve durata per i supermercati e di maggiore durata per gli ipermercati, durante la quale i lavoratori verranno posti in cassa integrazione anticipata e parzialmente integrata dalla nuova Società. A fronte dunque di colossi che fuggono dalla Sicilia, un plauso va agli imprenditori siciliani che decidono di investire e rilanciare il nostro territorio – conclude la Calabrò – Era impensabile disperdere il patrimonio umano e professionale che, in tutti questi anni, è stato fiore all’occhiello del sistema cooperativistico di Coop. L’intesa raggiunta non è dunque un punto di arrivo ma rappresenta per noi un punto di partenza affinché, con l’instaurarsi di proficue e corrette relazioni sindacali con la nuova Società, si pensi sempre al superiore interesse dei lavoratori ai quali non faremo mai venire meno il nostro supporto”.

“Sono stati ipotizzati circa 194 esuberi – spiega la Uiltucs – ma l’azienda ha preso l’impegno a ricollocare i dipendenti nella propria rete di vendita ma non oltre i 30 chilometri dalla residenza dei lavoratori. Previsto un piano di investimenti strutturali da circa 25 milioni nel 2022. In particolare i nuovi punti vendita nel canale food e drug saranno otto e dislocati tra Catania, Palermo e Messina. L’accordo prevede un piano di incentivazione all’esodo volontario aperto a un massimo di 100 dipendenti full time e la cassa integrazione con l’impegno dell’azienda a integrare la riduzione del reddito”.