Un docufilm per ricostruire la storia di un impegno dell’Associazione Cutino contro la talassemia che dura ormai dal 1998. Un’opera, a cura di Silvia Miola e Giada Di Fonzo, che ripercorre la nascita e la storia dell’associazione palermitana, attraverso il racconto di due vite, quella di Piera Cutino, scomparsa nel 1982 e alla quale è dedicata l’associazione, e di Enza, giovane paziente talassemica, seguita ormai da diversi anni al Campus di Ematologia dell’Ospedale Cervello, intitolato alla memoria di Franco e Piera Cutino.

Domenica 9 giugno alle 18,30 nella sala De Seta ai Cantieri Culturali della Zisa sarà proiettato in prima assoluto il docufilm “Due Vite”, realizzato in partnership con il Centro siciliano Sperimentale di Cinematografia diretto da Ivan Scinardo.

Il lungometraggio mostra la storia dell’Associazione attraverso il racconto doppio della vita di Piera e di Enza. Due vite che raccontano come oggi la talassemia non è più quella malattia terribile e fatale che negli anni ’80 costringeva ad una esistenza faticosa e breve. Così fu per Piera. Oggi le giovani pazienti riescono a crescere, lavorare, diventare mamme. Riescono a vivere una vita piena come tutti, nonostante la malattia. Questo è stato possibile solo grazie alla ricerca scientifica.

“Il film documentario, realizzato dalle ex allieve del corso di regia del documentario, Silvia Miola e Giada Di Fonzo  – afferma Ivan Scinardo, direttore della sede Sicilia del Centro sperimentale di Cinematografia – conferma l’impegno della sede palermitana della scuola nazionale di cinema nella formazione di eccellenza. In particolare avere realizzato questo progetto speciale per l’Associazione Cutino, raccontando storie di vita e raccogliendo testimonianze reali, caratteristica fondamentale del cinema di osservazione, ci spinge a credere sempre di più nel percorso virtuoso di alta formazione che premia i migliori ex allievi, che, al termine degli studi, vengono gratificati grazie all’assegnazione di incarichi professionali per progetti extradidattici importanti come questo dell’Associazione Cutino”.

Saranno presenti alla proiezione i vertici dell’Associazione Cutino con il Presidente Alessandro Garilli, la vice Presidente Salvina Lauricella, il direttore Sergio Mangano, il consigliere Giuseppe Cutino, figlio di Franco e fratello di Piera, il direttore del Campus di Ematologia del Cervello, Aurelio Maggio. L’ingresso è libero.