È ripreso questo fine settimana il servizio di controllo della balneazione e prevenzione lungo la costa Nord di Palermo, da Vergine Maria a Capo Gallo, svolto dalla ACS – Associazione Cani Salvataggio, attivata dall’Ufficio di protezione Civile del Comune di Palermo e dal Dipartimento di Protezione Civile della Regione Siciliana, in collaborazione con la Guardia Costiera.

L’ACS utilizzerà 15 unità cinofile di salvataggio, una moto d’acqua attrezzata con barella, defibrillatore ed ossigeno ed un Quad 600 di soccorso e salvataggio.

L’associazione supporterà inoltre nelle attività di monitoraggio della l’attuazione delle misure preventive della Fase 3 Covid19. Il servizio si svolgerà per tutti i fine settimana di luglio e di agosto anche con l’allestimento in via Regina Elena di un gazebo con personale che fornirà informazioni alla cittadinanza per le misure di prevenzione del Covid19. L’associazione supporterà inoltre nelle attività di monitoraggio della l’attuazione delle misure preventive della Fase 3 Covid.

I cani bagnino sono ormai amici dei bagnanti da qualche anno a Mondello come a Sferracavallo. nelle scorse stagioni abbiamo visto labrador, golden retriver e anche una meticcia salvata dal canile,  presenti in spiaggia. Cani che attirano grandi e piccoli, migliorando il soggiorno dei bagnanti e salvando le loro vite quando necessario. Sono tutti  cani dell’ACS Rescue Dog (Associazione Cani di Salvataggio), che nasce dall’esperienza pluriennale di istruttori e addestratori cinofili e di diverse unità cinofile di salvataggio nautico, con l’obiettivo di offrire un apporto utile al sociale e al volontariato, valorizzando la bravura e la preparazione dei cani impiegati nelle loro attività di salvataggio, non esclusivamente nautiche.

Il metodo utilizzato per l’addestramento di questi cani è “gentile”: il cane, infatti, non è forzato a fare ciò che non vuole, ma è guidato con rispetto ad acquisire sicurezza, attraverso il gioco e il rapporto di fiducia con il proprio padrone/conduttore. I Bauwatch, infatti, sono di proprietà dei conduttori stessi che, terminata la fase dell’addestramento mirata all’obbedienza, indirizzano ogni cane verso l’attività per cui risultano portati, in base alle peculiarità, capacità e caratteristiche, diverse per ogni razza. L’addestramento è seguito da istruttori preparati e personale sanitario veterinario.