I lavoratori di Almaviva Contact di Palermo dovranno attendere fino alla prossima settimana per conoscere le determinazioni dell’Azienda sul futuro del sito di Palermo.

L’incontro con le Organizzazioni Sindacali, previsto per domani per discutere sulla situazione aziendale, è stato nuovamente rinviato a mercoledì 18 Settembre, sembra infatti che la proprietà sia stata contattata dal nuovo Governo per essere ricevuta già lunedì prossimo e ristabilire il dialogo interrotto a causa delle sorti del precedente governo.

“Ci sembra assolutamente positivo dichiara: – Francesco Assisi Segretario Generale FISTel Cisl Sicilia – che nell’agenda del nuovo Governo la vertenza Almaviva venga affrontata con priorità. Palermo non può permettersi di subire il costo sociale della perdita di 1600 posti di lavoro così come annunciato dall’azienda negli ultimi incontri al ministero, vista l’assenza fino a quel momento, di soluzioni e proposte valide per mantenere il perimetro occupazionale”.

“Auspichiamo che da questo nuovo Governo – aggiunge Assisi -, che ha già annunciato che verrà riconvocato a breve il tavolo di settore, addivengano soluzioni che possano affrontare alla radice i problemi che hanno messo in ginocchio un intero Comparto: dalla delocalizzazione, al mancato rispetto delle tariffe e dei contratti, alla mancata riqualificazione dei lavoratori, alle gare al massimo ribasso e ai mancati investimenti sulla digitalizzazione che invece il mercato impone.Siamo convinti che per il rilancio di questo settore e per potere raggiungere questi obiettivi a salvaguardia del lavoro, sia indefettibile la sinergia e il coinvolgimento di tutte le istituzioni, nazionali e territoriali, con la partecipazione attiva e fattiva del Sindacato”.