Manca pochissimo alla chiusura del Contest creativo Volontariamente, promosso da Fondazione Ebbene, che chiama a raccolta giovani appassionati di fotografia e grafica residenti in tutto il territorio siciliano. In palio una borsa di studio offerta dall’HARIM – Accademia Euromediterranea, realtà che da oltre 20 anni offre in Sicilia i migliori corsi di moda, design, comunicazione visiva e fotografia, accompagnando i giovani talenti a diventare veri professionisti del settore.

Un concorso per rafforzare il binomio tra giovani e legalità; una straordinaria occasione per descrivere la Sicilia non più come terra di Mafie ma palcoscenico di tutte quelle azioni di volontariato realizzate dalle nuove generazioni. Agli artisti è richiesto, infatti, di raccontare attraverso foto, disegno a mano libera, artwork digitale, illustrazione o dipinto un’esperienza di volontariato, cittadinanza attiva e responsabilità sociale vissuta, allegando una breve scheda che ne descriva il senso.

Il tema è stato scelto perché le esperienze di volontariato costituiscono una “palestra di vita” fondamentale per formare i ragazzi alle legalità e al contrasto alle mafie, specie perché quest’ultime si nutrono dell’esclusione, dell’emarginazione e quindi del bisogno di chi è più fragile. Al contempo il cuore del concorso è valorizzare le forme di talento di cui la Sicilia è ricca, che vanno sostenute per dare risposte concrete al fenomeno dell’emigrazione, che sta svuotando sempre di più la nostra isola.

Al vincitore del concorso, che scade il 23 settembre, la straordinaria occasione di studiare per un intero anno all’HARIM e investire così in una terra, la Sicilia, da cui non sempre si può e deve fuggire.