I Carabinieri di Modica (Rg) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari a carico di due uomini, Orazio Musumeci, 59 anni e Vincenzo Musumeci, 33 anni, accusati di tentata estorsione aggravata in concorso ai danni di un artigiano locale. L’ordinanza è stata emessa dal Gip del Tribunale di Ragusa su richiesta del Pm della Procura di Ragusa. 

Le indagini dei carabinieri sono iniziate nel marzo 2019 dopo la denuncia di un artigiano di Modica vittima da tempo di richieste di denaro da parte dell’uomo di 59 anni, ex appartenente al Corpo della Guardia di Finanza,  e dal figlio di 33 anni. 

La richiesta di denaro risaliva a precedente rapporto di conoscenza tra l’ex Finanziere ed il carrozziere. Il primo si offrì per mediare in un procedimento amministrativo legato ad un debito tributario di circa 70.000 euro proveniente da una cartella esattoriale di Riscossione Sicilia nei confronti del meccanico. Padre e figlio avrebbero progettato più volte aggressioni fisiche e verbali ai danni della vittima al fine di estorcergli il denaro.

Le indagini hanno permesso di ricostruire altri casi in cui il finanziare si sarebbe prestato a offrire il proprio aiuto per la soluzione di problematiche tributarie. Per questo su di lui pendono altri procedimenti penali presso il Tribunale di Ragusa.