Il pm di Catania ha chiesto la conferma all’ergastolo per Christian Leonardi, il siracusano di 42 anni accusato dell’omicidio di Eligia Ardita, l’infermiera di 35 anni deceduta nel gennaio del 2015.

In primo grado la Corte di Assise di Siracusa aveva condannato l’uomo ritenendo fondate le ricostruzioni della Procura di Siracusa per cui Leonardi avrebbe ammazzato la moglie al culmine di una lite scoppiata nella loro abitazione in via Calatabiano. A quanto pare, il quarantaduenne avrebbe reagito in modo violento perché la moglie non avrebbe voluto che uscisse insieme ai suoi amici. Il presunto assassino l’avrebbe picchiata fino a farla morire insieme alla figlia di otto mesi che la donna aveva in grembo.

Leonardi, nel corso del dibattimento, ha negato di aver ucciso la consorte, sostenendo che è rimasta vittima di un malore mentre si trovavano in camera da letto ma il ritardo dei soccorsi, a suo avviso, sarebbe stato fatale. L’uomo era stato arrestato nel settembre del 2015 ed in quell’occasione aveva confessato il delitto, salvo poi fare marcia indietro accusando il suo legale ed il fratello di averlo costretto ad autoaccusarsi.

Nella prossima udienza, prevista per il 29 apripe, sarà la volta delle parti civili mentre la sentenza sarà pronunciata il primo di luglio.