Nonostante la sentenza di condanna in primo grado per l’intimidazione all’ex sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, che avrebbe pagato la sua linea dura contro i parcheggiatori abusivi, un trentottenne siracusano sarebbe tornato al suo vecchio lavoro.

Gli agenti di polizia di Siracusa lo hanno trovato in via Ettore Romagnoli, lungo il perimetro del parco archeologico di Siracusa, che custodisce tesori come il Teatro Greco. È stato denunciato perché avrebbe violato il Daspo previsto dal regolamento di polizia urbana voluto proprio dall’ex sindaco Giancarlo Garozzo.

Insomma, non si sarebbe dovuto trovare lì ma il trentottenne non ci avrebbe dato molto peso solo che non aveva fatto i conti con gli agenti delle Volanti.

È stato costretto ad andarsene così come aveva fatto nei giorni scorsi un altro parcheggiatore abusivo allontanato pure lui dal personale della polizia.

Prosegue al palazzo di giustizia di Siracusa il processo con il rito ordinario nei confronti degli altri 3 parcheggiatori arrestati nella primavera del 2018 per l’intimidazione all’ex sindaco. Il trentottenne ha, invece, scelto un altro percorso giudiziario optando per il rito abbreviato.