Operava tra le Marche e l'Emilia Romagna

Ridotti in schiavitù da una setta macrobiotica

Tramite il controllo dell'alimentazione e il divieto di contatti con il mondo esterno, sarebbero riusciti a manipolare ogni aspetto della vita degli adepti fino a chiedere anche ingenti donazioni in denaro.