Dalla Cina a Marsala. Dopo il lungo viaggio nel continente asiatico da protagonisti del reality on the road Pechino Express, i Soldi Spicci tornano in Sicilia per animare col loro cabaret le piazze dell’Isola.

Si chiama “Chi dice donna dice camion” il loro nuovo e divertente spettacolo in scena il 6, il 7 e l’8 marzo al Teatro Comunale E.Sollima di Marsala. Il duo comico, formato da Annandrea Vitrano e Claudio Casisa, riprende il fortunato tour teatrale, dopo l’esperienza di Pechino Express.

Un’avventura divertente ma anche impegnativa. “In questo viaggio ho scoperto i miei limiti – racconta con candore Annandrea Vitrano – ed è una cosa straordinariamente bella perché adesso so di poter accettare i miei limiti. Siamo stati fortunati a vivere questa esperienza insieme”. Bilancio positivo, nonostante l’innegabile fatica, anche per Claudio Casisa. “Sono contento perché grazie a questa esperienza ho abbattuto tutti i muri della vergogna e della timidezza – commenta – Mi sento un pizzico più uomo. Mi mancheranno alcuni interrogativi. Dove dormiremo stasera? O quale angelo ci salverà? Perché quelle persone sono davvero degli angeli, che ti accolgono, ti fanno mangiare e dormire”.

Il duo comico palermitano, che si prepara ad attraversare in lungo ed in largo la penisola, firma per la prima volta anche la regia del nuovo spettacolo, compiendo un ulteriore passo in avanti nella rapida e sorprendente carriera che li ha visti già protagonisti in televisione a ‘Colorado’ e nella pellicola cinematografica di successo ‘La fuitina sbagliata’, oltreché sui canali social, Facebook e Youtube, con milioni di visualizzazioni. Il nuovo testo, scritto da Annandrea e Claudio in collaborazione con Salvo Rinaudo, ripercorre in chiave comica la storia degli equilibri di coppia da Adamo ed Eva fino ai nostri giorni, evidenziando la netta superiorità femminile.

Già nei nostri progenitori biblici emergono le caratteristiche della coppia moderna, con Eva che lamenta la scarsa mascolinità di Adamo. La donna, continuamente sotto stress anche per le diete a cui ciclicamente si sottopone, scarica sull’uomo le sofferenze e le privazioni patite. Parafrasando il titolo della brillante pièce, la donna è come un camion che travolge l’uomo, trascinandolo in situazioni al limite. Nonostante ciò però una vita senza una donna sarebbe inimmaginabile per l’uomo. Con ironia e leggerezza il duo comico racconta la moderna coppia millennial, descrivendo i rispettivi ruoli maschile e femminile. Il risultato è anche un veritiero spaccato sociale che offre interessanti spunti di riflessione per lo spettatore.