Fabio Provenzano aveva assunto stupefacenti mentre si trovava alla guida della sua auto sull’autostrada Palermo Mazara del Vallo.

Nell’incidente è morto uno dei suoi figli che era a bordo, guidava sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Il dato è emerso dal test tossicologico a cui è stato sottoposto Fabio Provenzano, 34enne originario di Partinico, che tuttora si trova ricoverato all’ospedale Villa Sofia, assieme al figlio Antonino, di nove anni, rimasto ferito nell’incidente.

All’uomo, già indagato dalla Procura di Trapani per omicidio stradale per aver causato la morte del figlio Francesco di 14 anni, adesso viene contestata l’aggravante “del fatto commesso sotto l’effetto di sostanze stupefacenti”.

L’indagine è coordinata dal pm Matteo Delpini e viene condotta dagli agenti della Polizia stradale che nell’immediato hanno segnalato la mancanza di tracce di frenata nei pressi dello svincolo Alcamo Est, dell’A29, in cui Provenzano perse il controllo della sua Bmw 320.

Acquisito anche il video, trasmesso in diretta dall’uomo attraverso la sua pagina – e poi rimosso dal social network – in cui si vedeva il suo volto in modalità selfie, prima di un rumore e dello stop finale.