Salvatore Ombra, presidente di Airgest, società di gestione dell’aeroporto di Trapani Birgi, continua a lavorare per il rilancio dello scalo aeroportuale trapanese. Ultimo step in ordine cronologico è stato il vertice con le organizzazioni sindacali che rappresentano i lavoratori di Trapani-Birgi.

Si è trattato di “un incontro di azione e comunione, per dare un forte impulso all’aeroporto di Trapani”, sostiene Ombra a margine dell’incontro che ieri ha riunito la dirigenza dello scalo trapanese e i segretari provinciali confederali delle organizzazioni sindacali Filippo Cutrona della CGIL Trapani, Leonardo La Piana e Massimo Santoro della CISL Palermo Trapani, Eugenio Tumbarello e Giuseppe Tumbarello della UIL Trapani e Mario Parrinello dell’UGL.

Sul tavolo della trattativa c’è ancora lo sviluppo territoriale e le azioni di coinvolgimento di tutti gli stakeholder dell’aeroporto. “E’ fondamentale un’azione sinergica – ha spiegato il presidente di Airgest – che coinvolga anche le organizzazioni sindacali per garantire stabilità e sviluppo all’economia del territorio anche e soprattutto per il tramite dell’aeroporto. Bisogna quindi avviare un tavolo tecnico per verificare tutte le azioni concrete di coinvolgimento, anche economico, sia della parte pubblica che del privato”.

Disponibilità al progetto di rilancio hanno mostrato i sindacati  ricordando l’impegno sempre profuso per il superamento dei problemi che caratterizzano il territorio. In particolare Cgil, Cisl, Uil hanno evidenziato il lavoro svolto fino ad oggi nella costruzione della piattaforma per lo sviluppo di Trapani, oggetto in queste settimane di dialogo con i comuni e i soggetti interessati al rilancio della provincia. Un documento che mantiene costante l’attenzione sui problemi esistenti e sulle proposte di superamento degli stessi e che vede l’aeroporto quale infrastruttura cardine dello sviluppo economico sociale  e culturale della provincia.