Procedono nella zona industriale di Agrigento i lavori di ‘Riqualificazione, messa in esercizio e miglioramento funzionale delle strade dell’agglomerato industriale di Ravanusa – Area del Salso’. La ditta G.P. Costruzioni di Giuseppe Proietto S.A.S. con sede ad Acireale che si è aggiudicata la gara ha ripreso i lavori del cantiere, aperto lo scorso giugno: completata la quasi totalità dei lavori in programma che termineranno definitivamente a settembre.

Fra le opere realizzate, riaperto lo svincolo lato sud della direttrice Licata-Ravanusa, eseguito il rifacimento del manto stradale, come anche la pulizia di cunette e canali di gronda, in corso le opere a verde, e a seguire il completamento dell’opera con la collocazione della segnaletica stradale verticale e orizzontale, oltre che al miglioramento funzionale delle reti tecnologiche e degli impianti. L’opera di riqualificazione è stata finanziata dal Dipartimento regionale Attività produttive nell’ambito dei fondi per lo sviluppo del ‘Patto per il Sud’ per un ammontare di 1,8 milioni di euro.

“L’area industriale di Ravanusa nell’agrigentino necessitava di interventi migliorativi della viabilità con ripavimentazione dell’asfalto e interventi sull’illuminazione per migliorare in generale il livello di efficienza dell’agglomerato e della vivibilità nonché il ripristino dello svincolo. I lavori saranno completati a settembre”, dice il commissario ad acta IRSAP, Giovanni Perino.

Gli interventi in questi mesi si sono articolati su due aree, la prima area di intervento ha interessato il ripristino dello svincolo, che era chiuso al traffico per lo smottamento di terra dalla scarpata della sede stradale, in prossimità dell’accesso lato sud – spiega il dirigente responsabile dell’Ufficio periferico Irsap di Agrigento, nonché Rup del progetto, ingegnere Salvatore Callari – e la seconda area con interventi per il miglioramento della viabilità, e ancora opere geotecniche, impianto di illuminazione, pavimentazione stradale e sistemazione delle aree a verde”.

Dopo gli interventi di riqualificazione e ammodernamento, l’area industriale assumerà quindi un nuovo aspetto, certamente più funzionale alle esigenze di quanti la frequentano per motivi di lavoro.