Lo hanno preso di mira, minacciato e picchiato e derubato. Tre persone sono state arrestate dai carabinieri della compagnia di Mussomeli, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Caltanissetta, per sequestro di persona, estorsione e favoreggiamento personale.

Si tratta di F.L.G., 33enne, e suo cognato C.V., 22enne, e un parente T.P. ritenuti responsabili dei gravi fatti sopramenzionati commessi ai danni di un giovane concittadino.

Le indagini hanno preso il via dallo spaccio di sostanze stupefacenti, avvenuto a Mussomeli, che faceva emergere varie responsabilità in capo ai soggetti indagati, tutti noti agli investigatori.

Il 33enne e il 22enne avevano usato violenza nei confronti di un giovane compaesano, lo avevano minacciato, schiaffeggiato e colpito con pugni.

I due avevano anche falsificato la data di redazione di un verbale di perquisizione e sequestro del comando Stazione Carabinieri di Villalba, per ingannare la vittima ed estorcergli ulteriore denaro.

Nel corso dell’attività d’indagine è emerso il coinvolgimento di un terzo soggetto, T.P. che si è adoperato per aiutare uno degli indagati ad eludere le indagini.