Ancora pochi giorni per l’inizio dei lavori che metteranno in sicurezza la parte storica della città di Randazzo, nel Catanese. A darne notizia il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, in veste di commissario di governo contro il dissesto idrogeologico. La Edilsun di Agrigento si è infatti aggiudicata, per 294 mila euro, la gara per il consolidamento del costone roccioso sui quartieri di San Nicola e Santa Maria, sedi delle mura di cinta e di fabbricati, alle spalle del monastero di San Giorgio.

I cedimenti che si sono registrati sul versante non solo hanno reso impraticabile persino la manutenzione ordinaria del sito che è a strapiombo sul fiume Alcantara, ma hanno anche messo a rischio l’intera zona sulla quale ora si interverrà per scongiurare il rischio di frane e di caduta massi sull’abitato.

In un primo tempo si procederà con il distacco degli elementi instabili. Verranno quindi applicate sulla parete rocciosa delle reti metalliche di protezione e delle funi, oltre a un sistema di chiodatura per connettere la parte superficiale e disarticolata della roccia a quella sana, in profondità. Prevista anche la bonifica degli argini del torrente Annunziata a valle del centro abitato.