Sono riusciti a superare i controlli traghettare e arrivare in Sicilia a bordo di una Renault 4 color cammello. Sono tre giovani tre francesi  che sono arrivati con l’auto fino ad Acitrezza. Il tragitto dell’auto ormai malconcia è stato seguito passo passo da alcuni camionisti che hanno postato filmati e da tante foto. Alcune le ha pubblicate anche Angelo Pizzuto presidente dell’Aci di Palermo.

“Questa vettura ormai famosa alle cronache secondo il codice della strada non può circolare (fidatevi, è il mio lavoro), uno per l’evidente stato di deterioramento di carrozzeria e probabilmente motore (ma la revisione?), due per i carichi liberi all’interno, tre per il carico sul tetto. – scrive Pizzuto sul suo profilo Facebook – Quattro perché ha la targa di un Tir (probabilmente rubata). Come ha fatto ad attraversare l’Italia, lo stretto di Messina ed arrivare ad Acitrezza quando io non posso andare neanche nella farmacia sotto casa ?”

Adesso vettura è parcheggiata sul lungomare di Acitrezza, i sei occupanti tre francesi e tre spagnoli, sono stati denunciati e posti in quarantena in un immobile requisito dal comune. “Siccome non possiedono nulla – aggiunge Pizzuto – la Caritas è incaricata di portare mangiare e bere che costerà a qualcuno 54 euro al giorno per il periodo di quarantena, qualora nessuno dei sei graditi ospiti risulti positivo al tampone, altrimenti la quarantena sarà prolungata, la Caritas continuerà’ a portare il vitto e qualcuno continuerà a pagare”.