Un viaggio dall’Inferno al Paradiso attraverso Dante Alighieri. La Divina Commedia diventa per la prima volta un’opera musicale a Catania. L’emozionante allestimento teatrale de La Divina Commedia Opera Musical, insignita della Medaglia d’Oro dalla Società Dante Alighieri, arriva al PalaCatania il 21 e 22 febbraio (oltre agli spettacoli serali alle ore 21 sono previsti due matinée riservate alle scuole alle ore 10) forte del riconoscimento ricevuto come Miglior Musical al Premio Persefone 2019 davanti a importanti produzioni internazionali.

Prodotta da MIC Musical International Company, ed organizzata in Sicilia da Giuseppe Rapisarda Management, l’opera vanta un team creativo d’eccezione e una troupe di oltre 50 professionisti che porta in tour una produzione innovativa: un cast di voci con un corpo di ballo acrobatico dà infatti vita ai personaggi più emblematici del poema dantesco, che si muovono su suggestive musiche avvolti da proiezioni video di ultima generazione.

Proiezioni in 3D capaci di condurre anche i giovanissimi in un viaggio alla scoperta dell’Opera di Dante: oltre 2 ore di spettacolo che trascinano lo spettatore dentro alla potente fantasia del genio di Firenze, rendendo la Divina Commedia estremamente attuale e fruibile da tutti.

Un’edizione ancor più spettacolare: “La Divina Commedia Opera Musical rilegge in chiave moderna il capolavoro di Dante, grande scrittore, poeta, genio e soprattutto uomo”, ha dichiarato il regista Andrea Ortis. “Ed è uno spettacolo in continua evoluzione, che si arricchisce anno dopo anno di forme espressive esplorando gli orizzonti delle nuove tecnologie, capaci di trasportarci in un mondo onirico tra demoni, creature mitologiche e personaggi storici che accompagnano il viaggio di Dante nei regni ultraterreni di Inferno, Purgatorio e Paradiso. Linguaggi che parlano anche alle nuove generazioni”, ha concluso Ortis: “E i ripetuti sold out con un calore ‘da stadio’ ci emozionano ad ogni tappa e ci motivano a continuare su questa strada… Perché la storia è la nostra più grande modernità”.

“Questo è un teatro che ha tutta la forza dell’immaginazione di un libro, a cui si ispira e rimanda, e che mette insieme la potenza e l’emozione di attori ‘in carne ed ossa’ con la suggestione di sorprendenti effetti speciali di animazione 3D, che aiutano lo spettatore a entrare nel mondo fantastico di Dante e gli fanno venir voglia di saperne di più”, ha proseguito Antonello Angiolillo, interprete di Dante. “La nostra soddisfazione più grande è sentire i nostri spettatori esclamare: mi avete fatto venir voglia di leggere la Divina Commedia… e difatti le vendite del testo aumentano man mano con le repliche!”.