“L’operazione appena conclusa dai carabinieri del comando provinciale di Catania è il risultato di una grande indagine che ha portato all’arresto di 32 persone accusate di appartenere a Cosa nostra etnea. Un duro colpo all’articolazione della struttura interna alla famiglia catanese di Cosa nostra”.

Lo scrive in una nota il Sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo. “Grazie e congratulazioni – aggiunge – all’arma dei Carabinieri e alla Direzione distrettuale antimafia della locale Procura per aver condotto un’eccellente attività investigativa. Avanti con la lotta alla mafia e alla criminalità!”.

L’operazione denominata Black Lotus ha portato all’arresto di 32 persone ritenute esponenti del clan Santapaola. Degli arrestati 21 sono stati reclusi in carcere, dieci ai domiciliari. Una sola persona risulta irreperibile.

Ricpostruito l’organigramma della famiglia e la mappa delle estorsioni LEGGI QUI

In carcere sono stati ristretti: Carmelo Ardizzone, Sebastiano Caruso, Orazio Coppola, Antonino Correnti, Domenico Orazio Cosentino, Carmelo Di Stefano, Aldo Ercolano, Giuseppe Faro e Giuseppe Felice, Roberto Finocchiaro e Gianluca Lo Presti, Salvatore Messina , Corrado Monaco, Carmelo Puglisi, Vito Romeo, Francesco Santapaola, Giuseppe Santoniocito, Barbaro, Carmelo e Pietro Stimoli, Antonino Tomaselli.

Ai domiciliari: Andrea e Vincenzo Consoli, marcello Corona, Carmelo Di mauro, Salvatore La Rosa, Giuseppe Leocata, Venerando Leone, Stefania Politini, Giuseppe Puglisi e Gabriele Stimoli.