I Carabinieri di Catania Ognina hanno arrestato un catanese di 36 anni con l’accusa di lesioni personali aggravate, atti persecutori e violenza sessuale. 

L’arresto è avvenuto sabato quando una donna è entrata in caserma chiedendo aiuto disperatamente. La donna è arrivata con i figli e ha detto di essere inseguita dall’ex marito. I Carabinieri hanno così visto l’uomo che inseguiva la donna a bordo di un furgone ma che alla vista dei militari ha tentato di fuggire. L’uomo era già stato denunciato dalla ex moglie a gennaio.

La donna, madre di quattro figli, una ragazza di 17, una coppia di gemelli di 14 ed un maschietto di 8, ha raccontato che l’uomo la sera precedente era entrato in casa strappandole dalle mani le chiavi della sua autovettura. Qui ha mangiato il cibo che la donna aveva preparato per la figlia. Il giorno successivo è tornato con la scusa di voler  restituire le chiavi. Ha tentato di avere un rapporto sessuale con la ex moglie che però ha rifiutato. Preso dalla rabbia, l’uomo ha cominciato a minacciare la donna dicendole che le avrebbe bruciato l’auto. La donna è così fuggita ed è riuscita a mettersi in salvo in caserma. L’uomo è stato portato in carcere.