I trafficanti di droga arrestati questa mattina a Messina vivevano con il reddito di cittadinanza. Nove degli 11 destinatari di provvedimento cautelare eseguito dalla Finanza nei confronti di una banda di trafficanti di droga facevano parte di famiglie che avevano reddito di cittadinanza, uno di loro era poi diretto percettore del sussidio

Sono stati i Finanzieri del Comando Provinciale di Messina stanno eseguendo un’ordinanza di custodia
cautelare nei confronti di 11 persone (5 delle quali in carcere, 4 agli arresti domiciliari e 2 di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), accusate di far parte di un’organizzazione criminale che gestiva un maxi traffico di cocaina, hashish e marijuana tra la Calabria e la Sicilia. L’inchiesta è stata coordinata dal procuratore di Messina Maurizio de Lucia.

Le indagini, condotte dai militari del Gruppo di Messina e dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia, nascono dagli accertamenti effettuati dopo l’arresto, avvenuto il 26 settembre 2018, di due messinesi, sorpresi agli imbarcaderi dei traghetti privati mentre trasportavano oltre due chili e 400 grammi di cocaina e hashish, nascosti nelle fiancate della loro auto.

Da quell’episodio la Procura ha dato vita una serie di indagini sfociate negli arresti di questa mattina. Le indagini sono proseguite per oltre un anno e hanno portato alla scoperta dell’organizzazione criminale che gestiva un
grosso traffico di stupefacenti e che aveva la sua base nel rione Giostra di Messina, con canali di approvvigionamento in Calabria, a Catania e nella stessa città dello Stretto.

Nel corso degli accertamenti gli investigatori hanno fatto irruzione nell’abitazione di uno degli arrestati, nel Rione
Giostra, sorprendendo due fornitori catanesi, oltre al proprietario della casa e il capo dell’organizzazione, e
sequestrando altri 5 chili di marijuana. I dettagli dell’operazione verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11, alla presenza del procuratore aggiunto di Messina Rosa Raffa, al Comando
Provinciale della Guardia di Finanza.