La Procura della Repubblica di Patti (ME) ha, da tempo, avviato un’intensa attività d’indagine in materia di stalking, diffusione illecita d’immagini o video sessualmente espliciti, rapina e lesioni nel circondario di competenza.

Un 47enne ai domiciliari

Le indagini sono partite dopo la denuncia di una donna. Il sostituto procuratore ha disposto una serie di accertamenti tecnici come intercettazioni, perquisizioni e sequestri che hanno permesso di confermare quanto sostenuto dalla vittima. La polizia del Commissariato di Capo d’Orlando ha quindi eseguito una ordinanza cautelare emessa dal Gip del tribunale di Patti. Ai domiciliari è andato N.S.V. di 47 anni, originario di Brolo (ME).

Le accuse all’indagato

Le indagini hanno permesso di accertare come l’uomo, nel corso del tempo, abbia sottoposto a molestie una donna con continue forme esplicite di violenza e minaccia, anche in presenza di testimoni. Inoltre è stato accertato come il soggetto ricercava occasioni d’incontro con la sua vittima e mostrava platealmente un’inclinazione delinquenziale verso la commissione di altri reati

Furti e violenza

Nel corso di un episodio era entrato nell’attività commerciale della vittima, e in stato di alterazione e sfruttando lo stato di completo soggiogamento della stessa, sottoposta a continui ricatti e intimidazioni, la colpì al naso ferendola con una testata. Si impossessò del telefono cellulare. In un’altra circostanza si era anche appropriato di 1250 euro prelevandola con violenza dalla borsa della stessa.

L’uomo accusato anche di revenge porn

L’uomo si sarebbe reso responsabile, inoltre, dell’invio di materiale sessualmente esplicito che ritraeva la vittima. Ora si trova ai domiciliari presso la propria abitazione in Brolo.