Vertenza Almaviva sul servizio 1500, lo spiraglio dal ministero della Salute

Una norma dal ministero della Salute per la proroga del servizio 1500 gestito da Almaviva. E poi una nuova gara su base triennale per riaffidare la commessa. Sarebbe questa l’ancora di salvezza per i lavoratori siciliani che rischiano di perdere il lavoro. E’ quanto emerso al tavolo di crisi di questa mattina.

Ne verrebbero garantiti solo una parte di lavoratori

Le novità sono state rese note dal senatore di Fratelli d’Italia Raoul Russo, membro della commissione Affari sociali, Sanità, Lavoro, Previdenza sociale. “Ho partecipato oggi come uditore al tavolo di crisi richiesto dai sindacati e convocato dal ministero del Lavoro – afferma – e a cui hanno partecipato anche il ministero delle Imprese e del Made in Italy e il ministero della Salute sulla vertenza Almaviva. È una questione che mette a rischio circa 500 lavoratori, che seguo da tempo e per la quale avevo già incontrato le rappresentanze sindacali. Ho registrato con soddisfazione che il ministero della Salute intenda inserire in finanziaria una norma ad hoc per consentire intanto una proroga di un anno del servizio, e che venga inoltre effettuata una gara d’appalto triennale per una versione rinnovata del numero 1500 per l’emergenza Covid. Anche se questa nuova commessa garantirà solo una parte dei lavoratori, seguiremo i futuri momenti di confronto per trovare una soluzione in grado di salvaguardare tutti i livelli occupazionali”.

Le proteste dei giorni scorsi

I lavoratori Almaviva hanno manifestato nei giorni scorsi davanti alla prefettura di Palermo. A seguire anche un incontro a cui hanno preso parte anche Adriano Varrica e la senatrice Dolores Bevilacqua. Una seconda manifestazione è stata organizzata a Catania. “Costituisce comunque un dato positivo – aggiunge il senatore Russo – la sensibilità dimostrata dal governo su questo tema. Ringrazio il ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone, che anche su mia sollecitazione ha indetto questo momento di confronto”.

Il rischio incombente

La problematica investe 500 addetti della commessa 1500 del ministero della Salute e 39 lavoratori della commessa American Express. Rischiano di perdere il proprio posto di lavoro per le imminenti scadenze delle relative commesse. Questione che riguarda tutti i lavoratori dipendenti di Almaviva, prossima ad un progetto industriale che vedrà la dismissione totale.