Un lungo mese di gennaio senza gli assistenti specializzati per gli alunni disabili nelle scuole del Comune di Bagheria.

Il servizio di assistenza specialistica per le scuole dell’infanzia, primaria e della secondaria di primo grado, resta ancora la palo nonostante l’assessore alle Politiche Sociali Emanuele Tornatore avesse garantito che sarebbe ripartito in tempi brevissimi.

Come in tempi celeri sarebbero stati pagati molti operatori che aspettano i soldi da maggio dello scorso anno.

“È volontà dell’amministrazione guidata da Filippo Maria Tripoli risolvere al più presto il problema ed è per questo che incontreremo oggi le cooperative che gestiscono il servizio: per informarle sull’iter. Abbiamo trovato la copertura finanziaria. Per i mesi di maggio e giugno – aveva detto l’assessore Tornatore – abbiamo ereditato un debito fuori bilancio e gli operatori del servizio hanno continuato a lavorare senza la necessaria copertura finanziaria; ecco perché i ritardi nei pagamenti. La sospensione del servizio di assistenza specialistica, e solo di questa, è temporanea, il bilancio non è stato ancora approvato pertanto occorre fare l’ennesima variazioni di bilancio per trovare la copertura finanziaria del servizio che verrà ripristinato in tempi ristrettissimi –promette l’assessore -. La sospensione temporanea è stata necessaria proprio per effettuare i procedimenti e garantire sia il diritto al servizio che gli stipendi”.

Già per quanto riguardava gli stipendi del periodo ottobre-dicembre 2019 l’amministrazione Tripoli ha predisposto una variazione di bilancio; la copertura finanziaria c’era ed ora si tratta di attendere i tempi della cronologia dei pagamenti per pagare gli operatori per quel periodo.

“Faremo di tutto per accelerare i pagamenti nei limiti di legge e di ordine di arrivo delle fatture” aveva concluso Tornatore.

Ma ad oggi  anche su questo non ci sono notizie.

Lo stop per l’assistenza ai bimbi disabili che sta creando non pochi problemi sul progetto di comunicazione, inclusione e autonomia,  è arrivato alla riapertura delle scuole dopo la pausa natalizia.

Gli assistenti specializzati per gli alunni disabili  sono rimasti a casa a gennaio

Il servizio è stato sospeso a causa dell’assenza di risorse di bilancio 2020.