Il gip del Tribunale di Roma ha rigettato l’istanza di scarcerazione nei confronti del parlamentare Giuseppe Gennuso, sospeso dall’Assemblea regionale Siciliana, che trascorrerà la Pasqua ai domiciliari.

Gennuso è stato arrestato con l’accusa di corruzione in atti giudiziari, insieme al giudice Nicola Russo; all’ex presidente del Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia Raffaele Maria De Lipsis; all’ex giudice della Corte dei Conti, Luigi Pietro Maria Caruso. Gennuso, che ha sempre negato, avrebbe pagato per corrompere i giudici amministrativi.

La difesa attende ora il ricorso in Cassazione dopo che è stato respinta anche l’istanza di scarcerazione presentata al Riesame.