“Dopo dure ore di riunione all’interno della Commissione, alla presenza dei deputati presenti, dei sindacati e anche dei soggetti lavoratori e dopo avere ascoltato tutte le istanze, siamo arrivati alla conclusione che nessuno è contro la stabilizzazione dei Pip all’interno della Resais, la società partecipata della Regione Siciliana. Così il Presidente della Commissione Bilancio, Riccardo Savona, in merito alla vicenda della stabilizzazione del Bacino Ex Pip.

Ieri l’argomento era stato al centro di un incontro all’assessorato regionale per la Famiglia e il welfare al termine del quale i rappresentanti dei lavoratori avevano rappresentato i rischi derivanti proprio dall’eventuale stop alla norma da parte della Consulta

“Stiamo cercando una copertura – continua il Presidente della II Commissione – qualora ci dovesse essere un’impugnativa del Governo centrale, in modo tale da essere preparati, non solo per quanto concerne la copertura finanziaria che noi certamente daremo nella finanziaria, ma anche e soprattutto per tutelare la moltitudine di soggetti che si troverebbe in una sorta di limbo lavorativo”.

“Consolidato che nessuno vuole mandare a casa questi lavoratori – aggiunge il Deputato – a cominciare dal Governo siciliano – come dimostrato con l’impugnativa nei confronti della decisione del Consiglio dei Ministri – dobbiamo cercare un sistema, di concerto con tutte le parti sociali, che permetta al Bacino degli Ex Pip di transitare regolarmente alla Resais dal 1 Gennaio 2019”.

“Di fatto – conclude Savona – già si sta facendo una selezione dei lavoratori che vorrebbero transitare nella Società partecipata, per consolidare un apparato che permetta di stabilire o attraverso una norma o attraverso un’intesa con il Governo centrale, un criterio che porti alla conclusione della vicenda e permetta ai lavoratori di stabilizzare la propria posizione”.