Un’organizzazione che operava con sistematicità e secondo ruoli ben definiti.

I Carabinieri della compagnia di San Lorenzo di Palermo hanno eseguito un’ordinanza cautelare su ordine del gip nei confronti di 25 persone coinvolte in maxifurti di benzina di carburante dai mezzi della Rap, l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti in città. Per 21 sono scattati gli arresti, 13 in carcere e 8 ai domiciliari, per quattro l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

L’operazione “Beautiful Flash” dei carabinieri parte da lontano.
Come spiega il Maggiore Andrea Senes, comandante della compagnia dei carabinieri Palermo San Lorenzo: “L’operazione di oggi costituisce la fase finale di una indagine avviata nel 2018 dai militari della compagnia di Palermo San Lorenzo.
I carabinieri hanno saputo che all’interno della discarica di Bellolampo numerosi operai della Rap prelevavano illecitamente il carburante dai mezzi della stessa azienda.
Pertanto, con i servizi classici di osservazione nonché attività tecnica è stata accertata la responsabilità penale di un gruppo criminale composto da 25 persone dedite ai furti e alla ricettazione.
Tredici di queste dovranno anche rispondere di associazione per delinquere“.

In carcere sono finiti Ciro Aurelio, 55 anni, Giovanni Calò, 53 anni, Giuseppe Cocuzza, 56 anni, Marco Corona, 47 anni, Rosario Di Maggio, 62 anni, Francesco Lopitale, 60 anni, Salvatore Lullo, 38 anni, Fausto Mangano, 53 anni, Alessandro Milazzo, 48 anni, Benedetto Scariano, 54 anni, Francesco e Gaspare Inzerillo, di 29 e 36 anni, Piero Giorgio Schirò, 48 anni. Ai domiciliari Giovanni Ammirata, 59 anni, Alberto Bologna, 37 anni, Vincenzo D’Aleo, 46 anni, Cristoforo Di Caccamo, 38 anni, Filippo Martelli, 36 anni, Pietro Riggio, 41 anni, Giovanni Puglisi, 23 anni, Giovanni Spatola, 59 anni. Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Calogero Di Maggio, 34 anni, Francesco Di Maggio, 52 anni, Alessio Grifo, 33 anni, Francesco Lo Cicero, 53 anni.

I carabinieri hanno stimato che venissero rubati almeno mille litri di gasolio al giorno.
Le indagini sono state coordinate dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Enrico Bologna.

All’operazione dei Carabinieri hanno preso parte 150 militari compresi cinofili, rinforzi del 12° Reggimento ed un elicottero.