Dieci concerti esauriti con spettatori che hanno gremito le chiese della città: ogni appuntamento di “Natale a Palermo” ha riscosso un grande successo tra il pubblico palermitano.

La rassegna, che da oltre dieci anni, porta la musica nelle chiese della città, ha intrattenuto il pubblico chiesa dopo chiesa e oratorio dopo oratorio. Dieci in totale i concerti gratuiti nei luoghi sacri e altri quattro dedicati ai pazienti del Polo Oncologico dell’ospedale Civico e dell’Ospedale dei Bambini.

Ieri sera il gran finale, nella basilica di San Domenico gremita dove il pubblico ha applaudito a lungo la Symphonic Band Giacomo Candela a cui era toccato anche l’onere di aprire la rassegna, a Santo Stefano, nella chiesa di Casa Professa. Stavolta la band di Buseto Palizzolo ha scelto un programma di colonne sonore riconoscibilissime. Da “Star Wars”, a “La vita è bella”, “James Bond”, Il Postino”, “Ben Hur” , “I pirati dei Caraibi”, temi di Morricone e una Disney Fantasy, dirette da Nicolò Scavone.

Oltre alla band trapanese diretta da Nicolò Scavone, si sono alternati nelle più belle chiese della città, i giovani musicisti dell’Orchestra da Camera “Salvatore Cicero”, il coro polifonico “Cantate Omnes”, diretto da Gianfranco Giordano, il Bellini Saxophone Quartet, giovane ensemble di quattro sassofonisti nisseni, l’insolito Trio “AltoPiano” formato da due viole e un pianoforte, l’atteso virtuoso violoncellista trapanese Gabriele Maria Ferrante, l’ Ensemble Orchestrale Siciliana affogato nella tradizione siciliana, l’orchestra di fiati “La nuova generazione”, nata e cresciuta in seno al liceo musicale “Regina Margherita” e il Sicily Ensemble con il suo omaggio a Piazzolla.

Dalla stretta collaborazione con l’ARNAS Civico è nata anche una mini rassegna negli ospedali: dai Piccoli Cantori dell’Albergheria all’Ospedale dei Bambini all’arpista Ginevra Gilli ad un quintetto di fiati e voce, alla pianista Valentina Grisafi, tutti si sono esibiti per i pazienti dei poli oncologici.