“Sono ormai anni che la politica non riesce a trovare sintesi utili per il governo del Paese e cercano di apparire riformatori aggredendo la Costituzione repubblicana. Quelle volte che sono riusciti a modificarla, l’hanno deformata. Per questo abbiamo deciso di metterci a lavorare insieme in un comitato unitario per diffondere consapevolezza sugli effetti della drastica riduzione del numero dei parlamentari approvata nell’ultima legge di revisione costituzionale”.

Lo dichiarano i promotori del comitato di Palermo per il No al referendum costituzionale del 29 marzo, Francesco Campanella, Nella Toscano, Alessandro Crociata, Giuseppe Sunseri, Salvatore Bertolino.

“Ci incontreremo coi palermitani che vogliono lavorare alla difesa della nostra Costituzione e con la stampa cittadina giovedì, 20 febbraio prossimo a Palermo, Palazzo delle Aquile, Aula Rostagno alle 16.30” concludono i promotori.