“La presa del potere da parte del Governo più a sinistra della storia repubblicana apre, davanti a Forza Italia, una prateria di opportunità per invertire la tendenza. Tuttavia, per sfruttare al massimo il momento politico, la richiesta che arriva dai militanti, dalla classe dirigente da Comuni e Regioni, patrimonio di rara qualità e competenza, è di sgombrare la strada da ogni equivoco sul nostro orizzonte politico e programmatico”.

Lo ha dichiarato l’onorevole Marco Falcone, assessore alla Regione Siciliana e commissario di Forza Italia a Catania e provincia, prendendo parte al Campus Everest promosso da Forza Italia giovani a Giovinazzo, in Puglia.

“Forza Italia, partito liberale e popolare, naturalmente alternativo allo statalismo di Pd e 5 stelle – ha aggiunto Falcone – è chiamata a interpretare la voce dell’opposizione. La più dura possibile, perché gli elettori cercano nella politica quelle soluzioni su tasse, imprese, lavoro, famiglia, infrastrutture che sono la spina dorsale del nostro programma. Senza aver paura di andare in piazza o adottare uno stile più movimentista, che non significa abbandonare sobrietà e rigore, bensì abbracciare la voglia di cambiamento degli italiani che, prima i gialloverdi Lega-M5s, e adesso i giallorossi Pd-M5s, hanno mortificato”.