Una rete di trafficanti controllava il mercato della droga fra Palermo, Agrigento e Caltanissetta.

L’inchiesta della Dda, culminata con 15 arresti, ha accertato che il gruppo riusciva a piazzare oltre un chilo di sostanze stupefacenti, in buona parte hashish e cocaina, ogni settimana.

La sede operativa dell’organizzazione, che si riforniva a Palermo, era a Caltanissetta e il capo, secondo gli investigatori, sarebbe Francesco Paolo Ferdico, 54 anni, che nel traffico avrebbe coinvolto anche il fratello Giuseppe (già detenuto) e la moglie Gaetana Gagliano, finita ora agli arresti domiciliari.

L’inchiesta copre, in due tronconi, un lungo arco di tempo tra il 2009 e il 2014 e ha ricostruito sia il metodo operativo dell’organizzazione sia il ruolo di ogni affiliato.

Quando Ferdico, indicato come il vertice del gruppo criminale e sospettato di essere vicino alla cosca di Angelo Palermo, si è reso conto di essere finito sotto “osservazione”, ha cercato di sviare le indagini trasferendosi a Porto Empedocle.

Qui era andato ad abitare in un appartamento del clan dei Messina. La rete dei “corrieri” sarebbe stata gestita con un’appendice familiare da Daniele Giallanza, 46 anni, che nel giro della droga avrebbe coinvolto un nipote acquisito, Francesco Lena, e il consuocero Pietro La Cara.

Proprio La Cara era stato arrestato nel 2017 con dieci chili di hashish. Nel traffico era coinvolto anche il genero di Ferdico, Michele Christian Pesce. Genero e suocero erano in continuo contatto per sospetti scambi di “carne” e “pesce”, parole che in realtà avrebbero indicato ben altro genere di prodotti.

L’operazione di polizia giudiziaria della squadra mobile di Caltanissetta si è svolta con l’ausilio di unità cinofile della Polizia di Stato, di pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine e con la collaborazione delle Squadre Mobili di Palermo e Agrigento.

Sono finiti in carcere: i nisseni Antonio Capuzzo, 32 anni; Francesco Turco, 35 anni; Michele Christian Pesce, 36 anni; Andrea La Iacona, 35 anni; Michele Giuseppe Tripisciano, 33 anni (attualmente sottoposto a detenzione domiciliare); Marco Michele Ventura, 32 anni; i palermitani Francesco Paolo Ferdico, 54 anni; Giuseppe Ferdico, 44 anni (attualmente detenuto); Gaetano Gagliano , 31 anni; Francesco Lena, 34 anni; Daniele Giallanza, 46 anni (attualmente sottoposto agli arresti domiciliari); Pietro La Cara, 42 anni (attualmente sottoposto all’obbligo di dimora); l’agrigentino Francesco Catania, 35 anni, di Siculiana (AG); il pietrino Giovan Battista Di Marca, 42 anni di Pietraperzia (attualmente detenuto).