Il nuovo Palermo avrà una dirigenza composta da ben 5 elementi. Il primo, ormai noto a tutti, è Rinaldo Sagramola che sarà l’amministratore delegato del club e sarà la figura di raccordo tra la proprietà e tutte le altre componenti.

Altro dirigente sarà Gianluca Paparesta; l’ex arbitro e presidente del Bari è un uomo di fiducia del vice presidente Tony Di Piazza che, oltre ad aver fatto trovare l’accordo tra Mirri e l’italo-americano, avrà un ruolo importante. Sarà compito dell’ex numero uno dei Galletti infatti, trovare l’accordo per la cessione dei diritti tv. Le trattative in corso, scrive l’edizione odierna de “Il Giornale di Sicilia”, sono diverse e si sta trattando con Dazn, Sky e Cairo Communicatoions; in più dovrà curare i rapporti tra istituzioni calcistiche e media.

Gli altri dirigenti saranno, come annunciato ieri in conferenza stampa, Renzo Castagnini che sarà il direttore sportivo ma, il suo sarà un ruolo diverso dal solito ds perché agirà da lontano e si avvarrà della collaborazione di Rinaudo.

L’ex difensore palermitano, ufficialmente, avrà il ruolo di direttore tecnico del settore giovanile ma farà la spola con la prima squadra. A dirigere tutto il settore giovanile ci sarà invece Rosario Argento. Per lui un ritorno al Palermo, questa volta però col compito di ricostruire un settore giovanile che, ad oggi, non esiste.