Palermo Calcio, istanza di fallimento congelata almeno sino a fine campionato.
Lo si legge sull’edizione odierna di Repubblica Palermo e sui siti di informazione sportiva.

E’ quanto deciso dalla Procura nel corso della riunione operativa tra il procuratore Francesco Lo Voi, l’aggiunto Salvatore De Luca e i sostituti Dario Scaletta, Francesca Dessì e Andrea Fusco che da marzo 2017 indagano sugli anni della gestione del club rosanero da parte di Maurizio Zamparini. Adesso bisogna concentrarsi sui risultati sportivi, perché solo la promozione in serie A può evitare il fallimento.

Di positivo intanto c’è il pagamento degli stipendi di febbraio attraverso le garanzie bancarie messe a disposizione dalla famiglia Zamparini per ottenere un bonifico da 2,8 milioni di euro.

Ma c’è una data che incombe: entro il 15 maggio, il Palermo Calcio dovrà presentare i documenti utili per ottenere la licenza federale rispettando tutta una serie di criteri dal punto di vista legale, economico-finanziario ed organizzativo.
Tra gli elementi da mettere in evidenza, anche la certificazione della situazione patrimoniale al 31 marzo.

Intanto il presidente della società rosanero, Rino Foschi, venerdì incontrerà il presidente della Lega B Mauro Balata per parlare dello stato attuale e delle prospettive future della società di viale del Fante.