Nozze d’argento per la Maratona di Palermo, presentata ufficialmente oggi 7 novembre. Quella del prossimo 17 novembre, sarà infatti l’edizione numero venticinque di una manifestazione sportiva che negli anni è diventata un evento di portata internazionale.

Per l’edizione del venticinquennale sono state inserite delle novità. A cominciare dalla location di partenza e arrivo; dopo sette anni, si lascia lo stadio delle Palme e si torna nel salotto buono della città, via Libertà, nei pressi del Giardino Inglese; un ritorno al passato ancora più intriso di tradizione. La Maratona di Palermo è sempre vicina all’aspetto sociale e aggregativo, tra le conferme infatti c’è “La Camminata del Sorriso”, la passeggiata non competitiva, tre chilometri percorsi con il solo spirito aggregativo, ludico e sociale.

Percorso nuovo, stesse emozioni e stesso tuffo nell’arte. Gli atleti, che sia maratona o mezza distanza, correranno a fianco del Teatro Massimo, dei Quattro Canti, della Cattedrale; attraverseranno piazza Politeama, il cortile interno del Palazzo dei Normanni, il parco della Favorita, la palazzina Cinese, sfioreranno il mare di Mondello, certificando la bellezza di un percorso forse unico al mondo. Una maratona che anno dopo anno piace sempre più oltre confine, non è un caso, se la pattuglia “estera” cresce di anno in anno. Trentotto sono, al momento, le nazioni straniere rappresentate a Palermo, circa 450 gli stranieri iscritti.

La pattuglia più numerosa è quella francese (88 atleti al via). Presenti atleti di Germania, Olanda, Austria, Belgio, Polonia, Stati Uniti e Gran Bretagna. Correranno a Palermo anche podisti della Moldavia, del Messico e del Sudafrica. Buona anche la presenza di atleti che arriveranno da oltre lo Stretto. Lombardia, Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Campania, le regioni con più atleti presenti. Palermo, Trapani e Milano le province più rappresentative. Numeri in crescita certificati da 1800 presenze tra maratona e mezza maratona.

I top in gara: torna a Palermo Hosea Kimeli Kisorio il keniano vincitore delle ultime due edizioni e nel suo palmares vanta anche un secondo posto; in questo 2019 dovrà però vedersela con altri due suoi connazionali che in base al loro curriculum vengono dati per favoriti Wilfred Korir e Kenneth Kemboi Rotich. In campo femminile sfida Kenia-Etiopia con Gladys Chepngetich e Hirut Beyene Guangual. Tra gli italiani in gara, il palermitano Filippo Lo Piccolo che la maratona di Palermo l’ha vinta nel 2015.