• Record di trapianti all’Ismett di organi provenienti da donatori segnalati come eccedenze maturate in altre regioni
  • Il report del Centro Nazionale Trapianti riguarda gli anni 2018, 2019 e 2020
  • Grazie allo studio sull’utilizzo della simvastatina, un farmaco per il colesterolo

Ismett è il primo centro in Italia per trapianti di fegato eseguiti utilizzando organi provenienti da donatori segnalati come eccedenze maturate in altre regioni che li avevano rifiutati, definiti anche organi marginali. Il dato emerge dal report del Centro Nazionale Trapianti (CNT), nel periodo che va dal 2018 al 220 sono ben 44 i trapianti di fegato eseguiti grazie a organi marginali sui 230 effettuati nel triennio preso in considerazione.

Lo studio che aumenta i donatori

“L’utilizzo degli organi marginali – sottolinea Salvatore Gruttadauria, direttore del Dipartimento per la Cura e lo Studio delle Patologie Addominali e dei Trapianti di ISMETT – ci ha consentito di aumentare il bacino dei potenziali donatori di fegato e di ridurre, in questo modo, la mortalità in lista d’attesa”. I dati di sopravvivenza dei pazienti che hanno ricevuto organi marginali sono sovrapponibili a quelli dei pazienti trapiantati con organi provenienti da donatori a rischio standard.

Un farmaco per ridurre il danno da ischemia

L’utilizzo degli organi marginali può essere considerato merito anche del nuovo studio sull’utilizzo della simvastatina, un farmaco normalmente utilizzato per tenere sotto controllo il colesterolo, nei donatori di fegato a scopo di trapianto che si propone l’obiettivo d’indagare l’efficacia del trattamento nel donatore in morte cerebrale per ridurre il danno da ischemia e riperfusione, evenienza che può incorrere quando la circolazione sanguigna torna al tessuto dopo un periodo di assenza e che è una delle principali cause di complicanze dopo il trapianto di fegato. “Questi dati – conferma Giorgio Battaglia, Coordinatore Regionale del CRT Sicilia – ci danno un’ulteriore conferma delle eccellenze di cui dispone la Rete trapiantologica siciliana. Questo trial è di grande importanza per dare risposta ai tanti pazienti che nella nostra regione attendono un fegato”.

Lo studio finanziato da Roma

Il trial clinico è stato finanziato dal Ministero della Salute attraverso il Bando di Ricerca Finalizzata 2013, si tratta di un progetto di studio grazie al lavoro di due gruppi di ricerca che operano in due strutture siciliane di eccellenza: IRCCS-ISMETT-UPMCI e Fondazione Ri.MED. I risultati dello studio verranno illustrati dal Duilio Pagano, chirurgo di ISMETT e investigatore principale dello studio, come presentazione orale nella sessione Presidenziale Plenaria del Congresso più prestigioso al mondo per le malattie del fegato, “The Liver Meeting” che si svolgerà il prossimo 13 novembre ed è organizzato dall’Associazione Americana per lo studio delle malattie del fegato (AASLD).