Avrebbe tentato di uccidere l’uomo con cui aveva avuto una relazione e la moglie di quest’ultimo. Questa l’accusa rivolta dalla procura di Catania a Ismaela Payano Pichardo, 37enne di nazionalità dominicana, arrestata dalla polizia e portata in carcere in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale etneo.

L’aggressione violenta

La donna, il 31 luglio, avrebbe aggredito con un’arma da taglio i coniugi – anche loro di nazionalità dominicana – mentre si trovavano nel parcheggio di un locale. La prima a essere colpita è stata la donna con un fendente che l’ha raggiunta al torace. Subito dopo Payano Pichardo avrebbe trafitto allo stomaco l’uomo. L’arresto è stato eseguito il 20 agosto e la 37enne è stata portata nel carcere catanese di piazza Lanzacon l’accusa di porto abusivo di arma da taglio e di duplice tentato omicidio.

Le indagini della procura etnea

Le indagini sono state coordinate dalla procura di Catania ed eseguite dalla Sezione III Reati contro la persona della Squadra Mobile dopo una violenta aggressione avvenuta in danno di una coppia dei due coniugi connazionali dell’indagata ed hanno consentito di acquisire elementi che dimostrerebbero come la donna si sarebbe resa responsabile del tentato duplice omicidio.

La gelosia e la rabbia

E’ stato accertato che l’aggressione sarebbe avvenuta mentre marito e moglie si trovavano nell’area di parcheggio di un locale d’intrattenimento cittadino, per ragioni riconducibili alla gelosia maturata per una relazione intrattenuta fino allo scorso anno dall’indagata con l’uomo e che a essere colpita per prima, trafitta al torace mediante un coltello a serramanico, sarebbe stata la donna, venendo poi l’uomo pugnalato in secondo momento, lasciandogli addirittura infilzata l’arma – così come raccontato dalla vittima – “…nello stomaco”.

La donna in carcere

La sussistenza di gravi indizi di colpevolezza ha, quindi, consentito al Gip di emettere la misura cautelare nei confronti della donna che, rintracciata dalla Squadra Mobile nel pomeriggio di sabato 20 agosto è stata portata in carcere.