Sta meglio ed è uscito dalla rianimazione dell’ospedale Civico di Palermo uno dei due bergamaschi che sono stati trasportati a Palermo in aereo nei giorni scorsi per mancanza dei posti in terapia intensiva al nord.

Il paziente è stato portato nel reparto di malattie infettive sempre all’ospedale Civico, ma secondo i medici le sue condizioni sono notevolmente migliorate. L’altro paziente arrivato dalla città lombarda si trova ricoverato ancora in rianimazione.

L’emergenza sanitaria che sta vivendo la Lombardia, ormai al collasso per la diffusione da contagio da coronavirus ormai ha imposto trasferimenti anche da un nosocomio ad un’altro. E’ stata coinvolta anche la Sicilia. A metà mese scorso sono giunti stanotte all’ospedale Civico di Palermo, con un aereo militare, due pazienti della bergamasca, di 61 e 62 anni, ricoverati nel reparto di Rianimazione in gravissime condizioni.

La Regione siciliana, dove al momento ci sono solo 10 pazienti intubati per le complicanze da coronavirus, ha dato la sua disponibilità. “L’Italia è una – dice l’assessore alla Salute Ruggero Razza – e non dobbiamo mai dimenticarlo”.

“Quello che chiediamo allo Stato – ha aggiunto Razza – è una distribuzione dei dispositivi di protezione individuale per i medici che sia celere, immediata e ci consenta di far lavorare tutti in sicurezza e un’equa redistribuzione dei ventilatori per aumentare i nostri reparti di rianimazione” .