Il Comitato Pendolari Siciliani assieme ai pendolari della Messina-Catania-Siracusa, Messina-Palermo, Catania-Caltagirone-Gela, Ragusa, Caltanissetta-Palermo, Agrigento-Palermo e Trapani-Palermo aderenti al C.I.U.FE.R. (Comitato Italiano Utenti Ferrovie Regionali), parteciperanno all’incontro del 20 gennaio 2016, convocato dal Dirigente Generale del Dipartimento Infrastrutture, Mobilità e Trasporti, dott. Fulvio Bellomo che si terrà presso i locali dell’assessorato regionale alle infrastrutture e trasporti, Via Leonardo da Vinci 61, per la verifica dello stato della programmazione dei servizi e criticità emerse nonché per la calendarizzazione degli incontri propedeutici alla futura programmazione, tenuto conto che entro gennaio è necessario predisporre il nuovo progetto di offerta commerciale per renderlo operativo in previsione del nuovo orario in vigore previsto per giugno 2016.

E’ un buon risultato, ottenuto grazie al lavoro dei deputati regionali Angela Foti e Valentina Zafarana del Movimento 5 Stelle, che nella audizioni della IV Commissione e II Commissione del 16 e 17 dicembre 2015 hanno chiesto ed ottenuto dal Dirigente Generale Fulvio Bellomo la possibilità di apportare delle modifiche allo schema di Contratto Ponte per il Trasporto Ferroviario Regionale.

Modifiche che il Comitato ha scritto di suo pugno e che i deputati del movimento 5 stelle hanno ufficializzato in data 18 dicembre 2015 all’assessore regionale Giovanni Pistorio, al dirigente generale Fulvio Bellomo e al dirigente responsabile IV Servizio Trasporto Ferroviario Regionale Carmen Madonia.

Questo è il testo, di una delle modifiche scritte , per conto degli onorevoli Foti e Zafarana, affinché venissero inserite nello schema di contratto: “Le Parti si impegnano a confrontarsi con rappresentanti delle Associazioni dei consumatori e dei pendolari, attraverso specifici incontri da convocarsi, di norma, ogni sei mesi, nonché in una sessione plenaria annuale. Scopo di questi incontri è: la verifica del rispetto degli impegni assunti nella Carta dei Servizi, la verifica periodica sullo stato e sulla programmazione dei servizi, sulle criticità emerse e sull’efficacia dei provvedimenti assunti in merito, nonché l’ascolto dei rappresentanti dei consumatori e dei pendolari in merito alle problematiche rilevate ed eventuali suggerimenti. Gli incontri di cui sopra si terranno, comunque, in ogni caso se ne presenti la necessità”.