Continua la ‘battaglia’ al Comune di Palermo in merito all’entrata in vigore della Ztl notturna.

Il provvedimento partirà il prossimo 10 gennaio con un’iniziale fase sperimentale che andrà avanti fino ad aprile.
Sarà in vigore tutti i venerdì e sabato a partire dalle 22.30 e fino alle 6 dell’indomani. Dal 17 aprile invece l’orario verrà anticipato alle 20.

In tutti gli altri giorni della settimana rimarrà in vigore soltanto quella diurna.

Ieri è stata firmata l’ordinanza che la istituisce con il malcontento di tanti, soprattutto delle opposizioni, che sostengono l’assoluta assenza di un confronto tra tutti gli schieramenti politici in merito al provvedimento.

Sulla vicenda intervengono Antonino Randazzo, Concetta Amella e Viviana Lo Monaco, consiglieri comunali del M5S che in una nota scrivono: “Alcuni gruppi politici di opposizione sul piede di guerra sulla Ztl e pronti a sfiduciare due Assessori della Giunta Orlando.
Fermo restando che non ci convincono le ordinanze “imposte” sulla ztl notturna senza un reale confronto con i cittadini e il consiglio comunale, resta il mistero sul motivo per cui 9 consiglieri comunali di minoranza non abbiano mai voluto ad oggi sottoscrivere la mozione di sfiducia al Sindaco Leoluca Orlando e la sua giunta predisposta dal Movimento 5 Stelle . Ricordiamo a tutti i colleghi dell’opposizione che esiste una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Orlando, predisposta dal Movimento cinque stelle e firmata attualmente da nove consiglieri comunali”.

Non ci stanno neanche i commercianti: “Con l’avvio della Ztl notturna l’amministrazione comunale dimostra ancora una volta di non prendere in considerazione le associazioni e le esigenze dei commercianti. Noi abbiamo sempre dato la priorità al dialogo e, ancora adesso, siamo pronti al confronto, per questo una nostra delegazione sarà presente alla seduta del consiglio comunale della prossima settimana”. A dichiararlo, Francesca Costa, presidente di Confesercenti Palermo.