• Vandali in azione contro 2 scuole di Vittoria
  • Danneggiate porte e finestre ma non è stato rubato nulla
  • La dirigente scolastica sostiene che non è il primo episodio
  • La condanna del presidente della Regione

Raid vandalico in due sedi dell’istituto comprensivo Caruano, la sede centrale e il plesso di scuola primaria Lombardo Radice di Vittoria. Sono state forzate alcune finestre ed alcune porte secondarie e rotti dei vetri ma non è stato rubato nulla. La dirigente, Angela Fisichella, denuncia questo ennesimo “attacco all’istituzione scolastica”.

La rabbia della dirigente

“Questi vandali – dice all’Ansa la dirigente Angela Fisichella – distruggono per il piacere di farlo senza pensare che colpendo noi colpiscono soprattutto i nostri studenti. A maggio era già successo. Non ci intimoriscono. La nostra istituzione è, e resta, al servizio dei nostri studenti, delle nostre studentesse, delle loro famiglie”. Fisichella denuncia anche il sistematico abbandono di rifiuti nelle zone limitrofe alla scuola che “sarebbe circondata dal verde se non ci fosse chi getta rifiuti di ogni genere creando vere e proprie discariche a cielo aperto. I problemi con i ritardi nella raccolta dell’immondizia – dice ancora la dirigente, Angela Fisichella – li viviamo tutti ma gettare un materasso in mezzo alla strada non è la soluzione, così come non lo è liberarsi dei rifiuti gettandoli dal finestrino dell’auto, tra l’altro davanti ad una scuola. Siamo praticamente circondati dalla spazzatura”.

L’ira di Musumeci

“Voglio esprimere la mia più sincera vicinanza al dirigente scolastico, al personale docente e a tutti gli studenti per quest’atto vile compiuto ai danni di una istituzione scolastica siciliana.  E’ l’ennesimo gesto vigliacco che punta a colpire il nostro sistema educativo già così duramente provato dagli effetti di questa pandemia”.
Così il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci commentando l’atto vandalico avvenuto ieri sera in due sedi dell’istituto comprensivo Caruano di Vittoria, nel Ragusano.
FOTO DI REPERTORIO