Dopo il successo di giorno 17 agosto a grande richiesta, torna “La Lupa” al Castello di Donnafugata che consacra il luogo come il nuovo scenario verghiano per eccellenza.

Evento che segna quindi questa collaborazione tra la suggestiva fortezza e il Festival Verghiano che dai prossimi mesi adatterà nello spazio circostante originali e varie trasposizioni verghiane che proseguiranno fino alla IV Edizione del magnifico evento.

Un volere anche di Nuccio Iacono, Manager Culturale della struttura e dell’Amministrazione del Comune di Ragusa che hanno constatato la potenzialità del progetto e il grande interesse che vi è per l’opera verghiana.

La storia riscritta e diretta dal regista Lorenzo Muscoso propone una nuova messa in scena della novella di Giovanni Verga in un originale adattamento che unisce il dramma campestre alla leggenda del luogo. Ritorna, quindi, l’antagonismo tra la Gna Pina (Giuseppina Vivera) e Malerba (Germano Martorana) entrambi, vittime di un disagio esistenziale destinati alla disgregazione sociale.

L’opportunismo di Nanni Lasca (Adriano Gurrieri), che passa dall’interesse per “la Roba” a una rivendicazione di una serenità familiare, sostenuto da Bruno (Alessandro Campo) che gli suggerisce la soluzione finale. Maricchia (Greta D’Antonio) sottomessa dal volere della madre e preoccupata del castigo di Dio.

Ellissi temporali coreografati da una danza demoniaca interpretata da Giada Carnemolla e dalle partiture sonore dei Bellamorea e uniti dalla voce recitante di un Narratore. Una riproduzione scenografica e corale, dal mercato, Processioni di Pasqua, al rientro dei lavoratori dai campi di lavoro messi in scena dal gruppo folkloristico di Cettina Belfiore e le 9 Province.

Sarà l’ultimo evento prima dell’ incontro di Giovanni Verga con la Puglia e con Matera 2019 che segnerà la storia della cultura italiana. Per info e prenotazioni : www.festivlverghiano.it