La Procura di Siracusa ha deciso di disporre l’autopsia sul corpo di Massimo Attardo, il disoccupato di 45 anni trovato senza vita nella zona di piazza Santa Lucia, a Siracusa, poche ore dopo la sua fuga dalla comunità di recupero.

L’uomo è stato rinvenuto nella tarda serata di venerdì da alcuni passanti: era ormai privo di vita, disteso sull’asfalto e quando sono arrivati i medici del 118 per lui non c’era più nulla da fare. Il medico legale ha già compiuto nella tarda mattinata di ieri l’ispezione cadaverica che, comunque, avrebbe escluso delle ferite o delle lesioni causate da un’arma da fuoco o da un coltello.

A quanto pare, non sulla salma non ci sarebbero segni di colluttazione ma resta il mistero sul suo decesso, per cui i magistrati hanno deciso di far eseguire l’autopsia, che sarà effettuata nei prossimi giorni in obitorio, dove, per il momento, si trova il cadavere.

Gli agenti della Squadra mobile  che conducono le indagini hanno già scavato nella vita privata del quarantacinquenne, con qualche problema di tossicodipendenza. Una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti, al comando del dirigente Gabriele Presti, è che il disoccupato possa avere assunto una dose killer di droga, eroina o cocaina. Una eventualità che, però, dovrà essere confermata dal medico legale, probabilmente servirà dell’altro tempo. Al termine dell’autopsia, il consulente della Procura compirà degli esami tossicologici e solo a quel punto il giallo potrà essere risolto.