Nonostante la pioggia, gli incendi, nel Siracusano, non conoscono pausa. Ancora una volta, un rogo si è scatenato a Priolo, distruggendo una macchina, una Maserati presa a noleggio.

Un focolaio di probabile matrice dolosa ma non è ancora chiara quale sia la chiave di lettura di quel che sembra essere una intimidazione. Il nodo, per gli inquirenti, resta il destinatario del messaggio inquietante ma per adesso  le forze dell’ordine preferiscono non aggiungere altre informazioni.

Sono in corso degli accertamenti nei confronti del proprietario della macchina ma le attenzioni sono pure rivolte alla persona che ha preso a noleggio la macchina. A quanto pare, quest’ultimo sarebbe un albergatore ma bisognerà accertare se era davvero lui il bersaglio dell’attentatore.

Uno degli ultimi episodi, che si sono verificati a Priolo, ha interessato l’assessore comunale ai Lavori pubblici, la cui macchina è stata divorata da un incendio. Ma nel piccolo centro industriale, ricavato sotto il cono d’ombra degli stabilimenti del polo petrolchimico, le intimidazioni, con queste modalità, sono piuttosto frequenti.