“E’ stato appiccato un incendio davanti alla porta del mio locale”. Lo afferma il parlamentare regionale sospeso Pippo Gennuso, titolare del ristorante Le Saline, che comprende anche un b&b situato a Marzamemi, nella zona sud del Siracusano, che denuncia una nuova intimidazione ai suoi danni. Secondo quanto sostenuto dall’esponente politico di Rosolini, le fiamme si sono scatenate questa notte, intorno alle 4, ma a spegnerle ci ha pensato il gestore di una panineria, non molto distante dal locale di Gennuso, che, dopo aver visto del fumo, si è precipitato per fermare l’azione del rogo, su cui sono al lavoro i carabinieri, che hanno avviato le indagini.

“Non so più cosa pensare – dice a BlogSicilia Pippo Gennuso –  su queste vicende. Non è la prima volta che sono vittima di episodi del genere e sicuramente non sarà nemmeno l’ultimo”. Nel dicembre del 2018, lo stesso Gennuso denunciò ai carabinieri l’esplosione di un ordigno in prossimità della sua proprietà in contrada Zacchita, per cui fu aperta un’inchiesta dalla Procura di Siracusa con l’ipotesi accensione ed esplosioni pericolose, in quanto, per i carabinieri, si sarebbe trattato di un petardo e non di una bomba rudimentale.

Inoltre, Gennuso, nel settembre del 2016, aveva denunciato di essere stato minacciato da un uomo armato che gli avrebbe intimato di ritrattare le accuse contro gli esattori del racket. Una episodio che si è verificato in contrada San Basilio, a Ispica, non molto distante dalla sua impresa agricola.