Non avrebbe mai accettato la fine della relazione con la sua ex fidanzata e così le avrebbe reso la vita impossibile.  E’ stato arrestato per stalking dai carabinieri un impiegato di 36 anni, G.D.M., originario di Siracusa ma residente a Floridia, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare, nella sua abitazione, firmata dal gip del tribunale di Siracusa che ha accolto la richiesta dei magistrati di Siracusa.

L’inchiesta, coordinata  dal Procuratore Sabrina Gambino e dal sostituto Stefano Priolo, è nata dopo una denuncia in merito agli atti persecutori perpetrati dall’indagato che, dal mese di novembre, avrebbe messo sotto pressione la donna, una sua coetanea. Le avrebbe tolto praticamente il respiro, capitava, secondo quanto svelato dalle forze dell’ordine, che la pedinasse con la propria macchina per conoscere tutti i suoi movimenti. Probabilmente, il trentaseienne pensava che la ex compagna avesse un nuovo fidanzato solo che la vittima ormai aveva smesso di vivere la sua vita in modo sereno.

Avrebbe ricevuto tanti messaggi da parte dell’impiegato e, messa con le spalle al muro, avrebbe deciso di rivolgersi alle forze dell’ordine, che, nel corso di questi ultimi giorni, hanno raccolto elementi a carico dell’uomo, per cui si è resa necessaria la misura cautelare