“Vogliamo chiarire che venerdì sera al passaggio a livello di Noto non si è presentato alcun rischio per la sicurezza dell’esercizio ferroviario, né per l’incolumità delle persone”.

Lo affermano i vertici delle Ferrovie dello Stato  dopo il caso dell’automobilista che, con il suo telefonino, ha filmato la sequenza del passaggio di un convoglio mentre le sbarre erano sollevate.

“Venerdì 1 novembre sulla linea Modica-Siracusa– fanno sapere dalle Ferrovie dello Stato –  la circolazione dei treni era ancora sospesa – e quindi le sbarre di tutti i passaggi a livello regolarmente alzate – per i danni provocati dall’eccezionale ondata di maltempo della scorsa settimana”.

“Quello che ha impegnato il passaggio a livello non era un treno ordinario ma un veicolo tecnico impegnato – spiegano i vertici di Rfi –  nei lavori di ripristino dell’infrastruttura. Per tali mezzi, le norme consentono la cosiddetta marcia a vista, ovvero il transito a velocità estremamente basse, con presenziamento dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana che garantiscono l’attraversamento del passaggio a livello in sicurezza”