Avrebbe promesso alla sua ex convivente di sfregiarla con l’acido un uomo di 36 anni, pachinese, raggiunto da una misura cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Siracusa.

E’ accusato di minacce, molestie e lesioni aggravate nei confronti della donna l’indagato, che ha ricevuto il divieto di avvicinamento alla vittima. I due, secondo una prima ricostruzione degli agenti del commissariato di polizia di Pachino, si sarebbero separati da poco solo che il trentaseienne avrebbe continuato a molestare la donna.

L’avrebbe tenuta sotto controllo, sospettava che avesse una relazione sentimentale con un altro uomo e così per spaventarla a morte, dopo averla incontrata, le avrebbe giurato di rovinarla. L’idea di rimanere sfregiata con l’acido avrebbe terrorizzato la ex convivente che avrebbe cambiato abitudini pur di evitare di incontrare quell’uomo. “Le reiterate minacce di sfregiare la donna con l’acido, così da poterle impedire di rifarsi una vita, o di ucciderla e le lesioni patite dalla vittima, sono state documentate” spiegano dal commissariato di Pachino.

“Dopo solo dieci giorni dalla querela sporta dalla vittima, grazie anche alla nuova normativa in materia di violenza domestica, cosiddetta “Codice rosso”, il commissariato di Pachino ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alla persona offesa” fanno sapere dalla Questura di Siracusa.